-7 a sua maestà “Il Corchia”

Ci siamo, mancano 7 giorni al ritorno di SpeleoFotoContest. Le foto sono pronte per essere esposte, i relatori sono pronti per relazionare ed i partecipanti allo Workshop sono pronti per…. passare tre giorni che sicuramente ricorreranno a lungo.

Molti di coloro che venerdì prossimo siederanno ai “banchi di scuola” per ascoltare i consigli e gli insegnamenti dei relatori difatti, pur essendo già speleologi, non hanno mai messo piede nell’antro del Corchia e sicuramente “l’Antro” farà di tutto per non passare inosservato e fare venire a tutti, come sempre, una gran voglia di tornarci.

Per chi non lo conoscesse, il Corchia, rappresenta una sorta di anomalia nel panorama degli “abissi apuani”, infatti a differenza della maggior parte delle cavità ipogee di questa zona catatterizzate da un andamento prevalentemente verticale con una tipica alternanza meandro-pozzo, il Corchia si presenta come un complesso estremamente ramificato e diversificato, composto sia da condotte orizzontali che verticali anche di notevoli dimensioni che da labirintici ambienti enormi. Una montagna relativamente piccola che racchiude al suo interno oltre 70 km di cavità ancora in fase di esplorazione grazie al progetto”Orco” ed al lavoro incessante di tanti speleologi toscani e non, magistralmente coordinati da Leonardo Piccini, Salvatore Iannelli e dalla Federazione Speleologica Toscana.

Tutto questo, ed ancora chissà quanto altro, è l’Antro del Corchia, che grazie alla fondamentale collaborazione di Corchia Park attraverso la messa a disposizione per SpeleoFotoContest del percorso turistico attrezzato darà l’opportunità ai partecipanti allo workshop di scoprire una piccola parte dei segreti e delle meraviglie nascoste nel sottosuolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *